Podcast Tips “Coaching e Tokyo 2021”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Coaching ed olimpiadi quale è il nesso? La prestazione di ogni atleta è il frutto di 5 anni di miglioramenti e sacrifici continui. Che si arrivi primi od ultimi vincono tutti.

Ascolta “Podcast Tips “Coaching e Tokyo 2021″” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti. Nuovo podcast tips. Vi ricordo che Potete riascoltare miei podcast sul sito www.marcoprincipi.it tutti potete anche trovare tanto altro materiale relativo al coaching

Volevo parlare di coaching ancora in questo podcast. Come sapete ci sono vari tipi di coach spesso mi viene rivolta questa domanda: ma che tipo di coach mi dovrei, dovrei chiamare, dovrei sentire per i miei problemi con chi mi dovrei consultare.

Ci sono così generalist. Quindi sono cose che spazzano un po su più argomenti su più problematiche ma è difficile trovarli perché devono avere tanta esperienza.
Devono essere soprattutto molto molto empatici perché mettersi nelle scarpe di qualcun altro entrare in contatto profondo con qualcun altro non è da tutti anzi da pochi.

Poi ci sono i vari coach settoriali che possono essere il coach sportivo, il business coach, il life coach, il team coach. Quindi ognuno ha un suo settore di riferimento ecco io personalmente mi ritrovo più nei corsi settoriali perché ritengo di non avere l’empatia che permette di entrare in contatto con chiunque.

Mi definisco mental trainer unconditional coach e questo mi lega molto al mondo delle Olimpiadi. Per me l’ispirazione l’esempio è tutto e tutto è proprio quella cosa quel clic ecco chiamiamolo così che mi ha fatto cambiare un po mi ha fatto cambiare il modo di affrontare ogni giornata cerco di affrontare la giornata per migliorarmi di sfruttarla fino all’ultimo proprio.

È stato un bel cambiamento un bel cambiamento per me non voglio proprio più perdermi nulla. E questo grazie all’ispirazione venendo vedendo qualcun’altro che l’ha fatto. Conoscendo quindi informandomi formandomi è veramente un modo diverso di vivere che a me piace molto e devo dire che le Olimpiadi sono l’apoteosi di questa cosa perché oltre i vari gesti atletici oltre a vedere nel bellissimo sport fatto ai massimi livelli uno capisce anche il sacrificio che hanno fatto questi atleti la follia che c’è dietro la dedizione che c’è dietro il focus che c’è dietro sono ragazzi e ragazze che negli ultimi 4 5 anni hanno sacrificato la loro vita si sono allenati ogni singolo giorno solo per arrivare a questo appuntamento con la speranza di salire sul podio o addirittura di vincere la medaglia d’oro. Tutti loro.

Qualsiasi sport facciano hanno quell’obiettivo ed è incredibile vedere la gioia o la delusione o lo sconforto degli atleti quando vincono perdono o non raggiungono un risultato che vogliono o pensano di meritare.

Perché dietro c’è un lavoro incredibile sul lavoro che non coinvolge solo loro ma coinvolge il team come le famiglie. E queste sono persone che per quattro o cinque anni non hanno pensato a questo. Quindi ci vuole una forza di volontà un amore per quello che si fa. Incredibile.

A volte fatelo. Vorrei essere lì soprattutto vicino agli atleti che non vincono per dire ora che per me è stato un eroe e comunque per me hai fatto comunque qualcosa di incredibile perché a volte lo diamo per scontato ma arrivare a questo livello di ambizione e di amore per qualcosa è veramente per pochi.

Sono quindi persone che riescono a concentrarsi ad avere degli obiettivi a lungo termine e a crearsi una road map. E quindi sono veramente forti dal punto di vista mentale. Quindi tutti. Veramente tutti in piedi fanno emozionare e guardate le guardate. Perchè ogni sport che sia il tiro con l’arco un lancio del peso l’atletica il basket il calcio la pallavolo la canoa qualsiasi cosa.

Fatta a quei livelli fatta capendo tutto il lavoro che c’è dietro per ogni singolo atleta è qualcosa di bellissimo ed emozionante. Guardate le lasciatevi ispirare.

Marco Principi Coaching