Podcast Tips “Come vediamo noi stessi”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Podcast nato da una riflessione. Come vediamo noi stessi? Come mai spesso ci vediamo diversamente da come ci vedono gli altri? Bisogna credere di più in noi.

Ascolta “Podcast Tips “Come vediamo noi stessi”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti i nuovo podcast tips per caso oggi è nato veramente per caso. Stavo facendo tutt’altro. Stavo facendo un’analisi analitica di dati analitici di una campagna della Unilever del 2013 e mi sono imbattuto in questo cortometraggio pubblicitario.

Veramente veramente bello e che mi ha fatto riflettere parecchio. Il cortometraggio si riferisce una campagna DAB che si chiama Real Betis pieces e lo è stato in cui è stato chiamato un disegnatore a fare dei ritratti stile Rai di alcune donne che si descrivevano quindi senza vederle lui in base alla loro descrizione da fare un ritratto.

Poi lo stesso ritratto lo a farlo in base a descrizioni di estranei che guardavano queste donne e le donne stesse che erano totalmente inconsapevoli dell’esperimento sociale che veniva fatto.

I risultati sono stati sorprendenti perché una volta che sono state affiancate i ritratti basati sulla descrizione della donna e la descrizione delle estraneo si è visto che le differenze erano notevoli e quasi tutte le volte.

Il ritratto basato su un’auto descrizione era molto meno attraente del ritratto basato sulla descrizione delle estraneo. Questa cosa mi ha fatto veramente riflettere e ha fatto riflettere anche il regista che ha chiamato la campagna sei molto più bella di quanto pensi. 

Questo concetto di come ci vediamo e ci vediamo spesso peggio di ciò che siamo può essere traslato non solo dal lato estetico ma anche su tanti lati. Ed è proprio queste barriere che noi ci poniamo quindi l’opinione.

Spesso negativa che abbiamo su noi stessi io sento tante persone a volte lo dico io non sono in grado di fare questa cosa. Questa cosa riuscirà mai a farla.

E queste scusate ma sono tutte barriere che noi ci auto imponiamo al nostro cervello che cerca di preservarla da possibili delusioni o da o dal fatto che possiamo andare in area di sconforto un’area in cui ci sentiamo a nostro agio e quindi ci dice no non farlo.

Bloccati qua invece proprio rompendo queste barriere facendo qualcosa di sfidante facendo qualcosa che appunto ci mette in gioco che noi riusciamo a rivolgerci a fare un passo avanti a migliorarci.

Ed è un concetto molto importante questo dobbiamo veramente metterci in gioco. A un certo punto della nostra vita prima è meglio è. Dobbiamo cercare di rompere gli schemi che ci siamo costruiti perché poi sono schemi nostri e anche questa diventa un’abitudine.

 Se noi continuiamo a sfidarsi a sfidare queste barriere che ci siamo costruiti poi queste sfide diventeranno la normalità e saremo più abituati anche ad attraversare periodi difficili.

Io ho a imparare cose nuove o a fare cose nuove e accettare cose nuove. Quindi è un concetto veramente importante e neanche particolare che è una pubblicità che ho visto così per un altro motivo e che potete vedere anche voi su YouTube.

Quindi vi consiglio di andarlo a vedere. Abbia avuto questo effetto su di me e mi abbia fatto riflettere. Quindi voglio dire che è anche stata ben fatta anche raggiunto il lato empatico delle persone. Comunque il succo è non poniamo limiti. Non pensiamo che qualcosa non sia alla nostra portata. Mettiamoci sempre in gioco.

Marco Principi Coaching