Podcast Tips “Il non controllabile”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Non preoccupiamoci di quello che non possiamo
controllare ma prendiamoci cura di ciò che dipende da noi e facciamolo al meglio.

Ascolta “Podcast Tips”Il non controllabile”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti i nuovo podcast tips. Bentornati o Benvenuti. Sapete qual è la differenza fra le azioni che possiamo controllare e quelle che non possiamo controllare.

 Sì penso che lo sappiate tutti ci sono azioni e cose che facciamo alla nostra vita che dipendono direttamente da noi dalla nostra volontà al nostro impegno dalla folla che ci mettiamo.

E altre azioni che comunque anche se ci impegniamo al cento per cento seguiamo tutto comunque non possiamo condizionare il risultato non dipende direttamente da noi spesso per esperienza personale o che vi do anche amici in persone che mi sono vicine o anche in estranei non distruggiamo per quelle cose che non possiamo controllare e questo è sbagliato.

Se noi non possiamo controllare qualcosa stato qualcosa preghiamo non dipende da noi iniziamo a concentrarci su ciò che possiamo controllare su ciò che possiamo indirizzare e li dobbiamo mettere il nostro impegno e la nostra cura.

Questo si lega molto anche al concetto di consapevolezza una volta che una persona raggiunge la consapevolezza conosci se stesso diventa leader di se stesso vuoi dire che prende delle responsabilità prendere responsabilità vuol dire essere pronti a volte a vincere e a volte a fallire.

Devo dire che ogni volta che noi parliamo dobbiamo avere la forza dentro di noi di rialzarci la di capire dove abbiamo sbagliato e cercare di migliorarci. Quindi questo tipo di azioni può essere applicato solo sulle azioni controllabili non su quelle incontrollabili quindi veramente dimentichiamoci. 

Non si può perdere per le cose che potevamo controllare e non abbiamo fatto. Non si può perdere perché parlo di perdere perché si può essere battuti ma non si può perdere perché c’è una differenza tra essere battuti e perdere.

Battute quando noi abbiamo fatto tutto il possibile ma gli altri hanno fatto meglio di noi ed è una cosa che io accetto qualcosa che bisogna accettare. Può succedere in ogni ambito della nostra vita. Sul lavoro un collega ottiene la promozione perché è più bravo di noi perché ha dimostrato di essere più bravo perché ha portato risultati migliori nella nell’impresa.

Un’azienda aprendo il lavoro noi no perché probabilmente hanno portato un progetto migliore del nostro nello sport una squadra ci batte un atleta ci batte. Probabilmente sono andati meglio probabilmente sono hanno più talento quindi in questo caso noi siamo stati battuti siamo stati battuti abbiamo fatto tutto il possibile per non esserlo quindi vuol dire che abbiamo curato le nostre azioni.

Ci abbiamo messo il massimo impegno abbiamo cercato l’eccellenza abbiamo trovato qualcuno che in quel momento è più bravo in questo caso noi siamo battuti ma non abbiamo perso e essere battuti vuol dire che io capisco.

Riconosco la superiorità momentanea di qualcun altro o di qualche altra entità. E mi impegno per colmare questo gap e per non essere più battuto. Ma se io perdo vuol dire che non ho fatto abbastanza. E questo non può succedere.

Io accetto di essere battuto ma non accetto di perdere perché perdere vuol dire che le mancanze sono mie. Non è per merito degli altri vuol dire che io ho avuto lacune in qualcosa io non ci ho messo l’impegno necessario.

Quindi attenzione ritorno al concetto di controllabile non controllabile. Se non volete più perdere, cerchiamo di mettere più cura possibile più attenzione possibile più impegno possibile nelle cose che sono controllabili e non pensiamo più a non controllabile che ci toglie energie forza e concentrazione. Grazie a tutti.

Marco Principi Coaching