Podcast Tips “Il pifferaio magico”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Ve la ricordate la favola del “Pifferaio magico”?
Quanti pifferai magici incontriamo nelle nostre vite? La conoscenza e la consapevolezza ci possono aiutare a riconoscerli ed il coaching è uno strumento per coltivarle.

Ascolta “Podcast Tips”Il pifferaio magico”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti. Nuovo podcast tips. Vi ricordo che Potete riascoltare i miei podcast sul mio sito www.marcoprincipi.it trovate anche tanto altro materiale.

Oggi ho seguito con grande attenzione un bel video di Marco Montemagno in cui parlava di un momento magico o meglio diceva che l’Italia adesso viene vista all’estero con occhi diversi.

Prima siamo stati sempre un paese amato no perché si mangia bene è un Paese bellissimo ma si pensava che non funzionasse nulla. Adesso in questo momento sembra funzionare tutto perché dal punto di vista sportivo stiamo avendo successo dovunque.

La nazionale di calcio che vince gli Europei quella di soft femminile che vince gli Europei il basket dopo tantissimi anni raggiunge di nuovo le Olimpiadi con un gruppo di giovani fantastico.

La stessa atletica dove per la prima volta per la prima volta dopo tanti anni forse 40 anni esprimiamo dei velocisti che probabilmente riusciranno a fare la finale dei 100 metri olimpici e magari arrivare anche a medaglia.

Insomma un momento veramente magico da questo punto di vista ma anche nella musica pensiamo ai Maneskin ha vinto l’Eurovision che adesso stanno scalando per la prima volta le classifiche inglesi sono primi in Inghilterra nei pare e anche oltre oceano pensiamo anche alla parte comunicativa dei social dove abbiamo la seconda persona più seguita sul tik tok è un italiano.

Pensiamo al fenomeno della Ferrari e pensiamo anche alla geopolitica è completamente cambiata adesso che abbiamo Draghi al governo perché una persona conosciuta è la persona ascoltata insomma un leader che è stato nel momento più difficile per l’Europa che probabilmente per il momento ho salvato l’Unione europea.

Insomma un momento particolare momento del quale dovremmo approfittare appunto per ricostruire e ricostruire bene.

Diciamo anche che il coming out anche se è stato una tragedia immensa questa pandemia soprattutto in Italia ci sono stati più di 135 mila morti. Come se una città intera sparisse in poco meno di un anno come una catastrofe.

E stato invece un altro punto di vista una fortuna una fortuna perché noi stavamo andando allegramente verso il baratro sia culturale che economico finanziario. Se dal punto di vista culturale c’è ancora tanto tanto lavoro da fare perché cambiare la cultura di un Paese non è una cosa che si fa in qualche mese dal punto di vista economico finanziario è forse più facile raddrizzare la rotta.

Il cosiddetto stato di grande aiuto perché era tra virgolette nelle i mercati hanno dato la possibilità all’Europa di fare veramente l’Europa raccogliere i soldi per aiutare a rimettere in sesto le economie.

Un Paese che probabilmente ne aveva più bisogno era proprio il nostro e quindi è veramente un momento per il nostro paese particolarmente favorevole. Non voglio parlare di rinascimento come fanno alcuni perché il Rinascimento è un’altra cosa ma è un’ottima base per una ripartenza.

La grande cosa che a me spaventa sempre il nostro innamorarsi di persone che ci promettono la luna ci promettono qualsiasi cosa no e spesso fra i leader politici questa è una cosa molto diffusa.

Spesso sono persone a cui piace apparire che sono sempre in televisione e che spettacolarizzare qualsiasi cosa. Ma forse è qui che dovrebbe entrare la cultura in gioco. Dobbiamo riuscire a capire che spesso dietro a belle pochette begli abiti belle parole non c’è niente c’è assolutamente nulla.

Quindi io penso a un’altra cosa sul pensiero di Montemagno che se vogliamo veramente ripartire e adesso veramente non possiamo perdere questa possibilità perché abbiamo tutto per ritornare protagonisti in Europa e nel mondo.

E di smettere di seguire pifferai magici. Ricordate la favola del Pifferaio Magico. Sapete come finivano i bambini. Ecco noi non ci facciamo trascinare sui nel baratro di nuovo dal pifferaio magico di turno. Ce ne sono veramente tanti in questo momento.