Podcast Tips “L’erba del vicino è sempre più verde”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

C’è un bellissimo film “Le Vite degli altri”, per spiegare questo podcast ne uso solo il titolo. Concentriamoci su quello che possiamo fare noi e non avremo più tempo di pensare al giardino degli altri.

Ascolta “Podcast Tips “L’erba del vicino è sempre più verde”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti. Nuovo podcast IPS oggi voglio partire da un detto l’erba del vicino è sempre più verde mi è venuto in mente ci ho ripensato anche dopo aver letto il libro di Maslow motivazioni e personalità. Io credo che noi troppo spesso metto dentro anche me anche se non ho mai avuto particolarmente questo vizio.

Però guardando altre persone che magari hanno un lavoro migliore del nostro hanno più soldi di noi hanno altre cose che noi non abbiamo. Tendiamo a desiderare quelle cose e a pensare a come sono fortunate queste persone che hanno questo o quest’altro.

Allo stesso tempo però queste persone guardando altre persone o magari guardando noi dicono ama come sono fortunati questi ad avere questo quest’altro ed è un loop un percorso che non finisce mai ma è un loop che ha senso. Io credo di no perché onestamente noi pensiamo guardando dall’esterno a che altri possano avere delle vite da Mulino Bianco. La vita da Mulino Bianco non ce l’ha nessuno. 

Non c’era nessuno. Anche le persone che noi crediamo siano le più fortunate al mondo sicuramente hanno dei problemi come tutti noi. Perché poi la vita. è uguale per tutti e mi ha fatto riflettere molto. Il libro di Maslow perché partendo da La piramide dei bisogni perché partendo dai bisogni primari che solo quelli fondamentali no mangiare per bere la sopravvivenza la sicurezza.

Sono questi i bisogni primari bisogni che tutti noi abbiamo a che dobbiamo soddisfare per. Vivere tranquillamente dopo ci sono tutti gli altri bisogni però bisogna ben dividere fra i bisogni materiali. I bisogni invece che ci servono per auto organizzarsi ma spiritualmente intellettualmente. Dividere queste cose.

Infatti ci sono molte persone che senza niente vivono in maniera molto dignitosa e vivono anzi meglio di altri che hanno tutto perché è perché veramente sono persone che sono autorizzate sono persone che vivono bene così vivono bene con se stessa e mi auguro bene la loro situazione non hanno bisogno di altro.

Per vivere bene non hanno bisogno di cose che facciano vedere agli altri che loro stanno bene perché dire che tu non stai bene vuol dire che tu hai bisogno di cose esterne oggetti macchine viaggi per mostrare agli altri che stai bene è una cosa.

Nessun nome in età giovanile ci sta sta perché anche nella creazione della propria personalità questo tipo di comportamento è un comportamento per me normale e anzi è un comportamento che ti fa crescere perché proprio passando per questo stato. Allora una persona capisce che ci sono cose più importanti.

Mi ricorda anche un po il discorso di Pascal tra lo spirito più libertino e L’Esprit e lo spirito di finezza come lo definiva lui stesso Pascal dice che aveva passato queste due fasi della sua vita aveva passato la fase dello spirito del divertimento dello spirito più leggero per poi essere arrivato alla ricerca di quello che lui chiama appunto lo descrive Phineas.

Quindi la ricerca di qualcosa di più di qualcosa di più profondo. Poi ogni persona può avere ricercare questa cosa in cose diverse per uno può essere la trascendenza per uno può essere la parte intellettuale però un altro può essere la parte spirituale l’altro può essere costruirsi qualcosa di suo non so adesso sto proprio inventando.

Però credo che invidiare gli altri che non solo noi dei quali non conosciamo i pensieri più reconditi non pensiamo i veri problemi che hanno.

Se ha una delle cose più stupide al mondo se una delle cose che ci toglie più energia ci fa perdere più tempo pensiamo noi stessi pensiamo a vivere bene noi pensiamo appunto di essere la versione migliore di noi stessi e poi vedremo che non avremo proprio il tempo né la voglia di pensare agli altri. Grazie a tutti.

Marco Principi Coaching