Podcast Tips “Matthew McConaughey”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Non amo particolarmente le biografie di attori o di personaggi dello spettacolo ma quello di Matthew McConaughey è un bel libro.
Bello perchè parla di amore per la vita, di sfide e di consapevolezza tutti pilastri del coaching.

Ascolta “Podcast Tips”Matthew McConaughey”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti. Nuovo podcast Tips. Vi ricordo che potete andare sul sito per ascoltare altri podcast per trovare materiale sul coaching e perché no se volete anche prenotarvi una chiacchierata con me.

Oggi volevo parlare di un libro che ho letto molto bello che si chiama Greenlights di Matthew McConaughey. Spero aver pronunciato bene il nome del famoso attore di Hollywood.

È un libro che ho comprato per caso. Diciamo che non sono assolutamente un fan di biografie di attori e personaggi dello spettacolo. Sono cose che anzi evito.

Però io amo le librerie perché mi piace il sapore della carta l’odore della carta l’odore dei libri l’odore di libreria proprio poi nel vecchio ho quel tipo di librerie vecchio e sui libri che mi chiamano non sono io che entro e dico non voglio quel libro.

A volte capita ma devono essere un po più tecnici management che libri da leggere di narrativa. Quindi spesso sono i libri a chiamare me come se la copertina mi colpisse o i miei occhi andasse proprio in quella parte nello scaffale del libro mi dice prendi me è proprio così e non sbaglia quasi mai.

Insomma quasi sempre scelgo il libro giusto per me. Devo dire che questo libro è stato veramente una bella sorpresa. Io non conoscevo bene l’autore del libro come attore lo conoscevo solo per alcune commedie romantiche di fine anni ‘90 inizio 2000 ma non lo conoscevo come attore drammatico e devo dire che dopo aver letto il libro sono andato a vedere alcuni suoi film e mi sono piaciuti.

Quindi il mio processo è stato un processo contrario. Ho letto il libro che poi mi ha portato a guardare i suoi film invece che ho letto il libro perché lo conoscevo come. Quindi un processo un po particolare

Diciamo perché mi è piaciuto il libro perché penso che sia un libro che possa essere anche utile per il cinema perché questo libro è un inno alla vita veramente in una vita. Si vede che il protagonista l’autore è innamorato della sua vita e della sua vita.

E mi piace molto perché usa anche dei termini molto belli mi dice che sta vivendo vite diverse oppure si corregge dicendo che vive una vita che ha tante piccole vite al suo interno. 

Questa è una frase molto bella perché questa frase Se parliamo di coaching la possiamo trovare nel fatto che noi ogni giorno possiamo vivere una vita diversa ogni giorno possiamo inventarci e possiamo fare tutto ciò che non abbiamo fatto il giorno precedente.

Possiamo raggiungere obiettivi o porci nuovi obiettivi che mai ci eravamo posti. Quindi proprio ogni giorno si può rinascere come una fenice.

L’altra cosa che mi è piaciuta molto è stata anche il fatto che lui parli di abusi che ha subito da piccolo ma non entri nel profondo di questa cosa semplicemente perché non mi interessa dice che la vita è troppo bella per fare per essere vittime per fare le vittime.

Lui non è una vittima perché questo atteggiamento di non essere vittime anche di cose molto più futili perché noi spesso ci sentiamo vittime dei nostri colleghi vittime del fato. Ecco la parola vittima la parola che nel coaching va eliminata.
Noi non siamo vittime siamo noi che possiamo creare e fare e modificare la nostra vita quindi ricordiamocelo sempre.

Un altro punto che mi è piaciuto molto di questo libro è stata la sua carriera anche qui ho trovato degli elementi molto importanti per il coaching.
Lui era un attore di grande successo e un attore che faceva soprattutto commedie romantiche. A un certo punto ho avuto il coraggio di dire basta, rifiutare copioni di rifiutare ingaggi e so che visto da noi mortali pensiamo ad avere un attore di Hollywood che rifiuta gli ingaggi dei copioni questo perché se non è così perché una volta che ti sei creato il personaggio una volta che hai tante richieste per un certo tipo di film non è facile cambiare genere e riuscire a farsi accettare come attore drammatico come attore tra virgolette serio.

Molti attori ci provano molti attori provandoci poi vengono stroncati dalla critica e non lavorano più per questo perdono fama soldi e a volte anche salute. Quindi è stata una mossa molto molto coraggiosa ma una mossa che è stata dettata dal fatto che lui amava ciò che faceva la cosa più importante.

Se uno ama ciò che fa non ha paura di andare incontro a delusioni grandi o piccole. Quindi lui è stato in grado di dire basta a un certo tipo di film a reinventarsi.
Quindi uscire dalla sua comfort zone e dire io voglio dimostrare che sono un attore in grado di fare anche un altro tipo di film. 

Com’è andata poi lo sapete tutti. Quindi consiglio vivamente di leggere questo libro perché è ben scritto e anche facile da leggere ma tra le varie pieghe del libro ci sono tanti insegnamenti che possono essere utili anche per noi stessi per motivarci per capire che tutte le persone anche quelle che crediamo che siano fortunate crediamo che siano speciali.

Lo sono perché si sono messi in gioco perché hanno abbandonato la loro confort solo perché hanno cercato di conoscere se stesse conoscendo noi stessi. Noi raggiungeremo successo grazie a tutti.

Marco Principi Coaching