Podcast Tips “Perchè dare un nome alle nostre paure”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

In questo podcast ispirandomi a Tim Ferriss, vi racconto perché è così importante dare un nome alle nostre paure ed essere onesti con noi stessi.

Ascolta “Podcast Tips “Perchè dare un nome alle nostre paure”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti il nuovo podcast tips. Oggi voglio parlare di paura o meglio di paure e come possiamo superare le nostre paure per parlare di questo.

Sono ricorso al libro di Tim Ferris che si chiama quattro ore alla settimana Tim Ferris famosissimo negli Stati Uniti. Io questo libro l’ho comprato nel 2007 quindi parecchi anni fa.

Quindici anni fa 14 anni fa scusate ed è un libro che parla di come lui abbia cambiato e rivoluzionato la sua vita e di come lui abbia sempre contrastato l’idea di lavorare in ufficio 7 8 9 10 ore al giorno per 5 giorni alla settimana e rinunciando alla vita rinuncia alla nostra vita.

Quindi lui è sempre stato una persona contro questo tipo di sistema e ha scritto questo libro appunto per far capire alle persone come ci si poteva sbarcare da questo tipo di concetto come ha fatto lui e di come si può lavorare molto bene guadagnando molto bene anche solo 4 ore alla settimana si va a leggere il libro si lavora un po di più di 4 ore a settimana.

Però il concetto è quello della libertà quindi di essere liberi di lavorare dove si vuole. è un concetto molto attuale adesso perché con il pandemia lo smart working è la moda dello smart working possiamo dire adesso molti hanno capito che si può lavorare anche non in ufficio e lui era autorizzato questo già a 15 16 se nessuno sa quando è stato pubblicato realmente questo libro negli Stati Uniti.

 Tim Ferris è anche un famosissimo podcast adesso uno dei più bravi intervista personaggi incredibili famosissimi insomma vi consiglierei di andare anche a scoprire su internet chi sia chi sia Tim Ferris e sicuramente farà una puntata speciale su di lui perché un altro di quei personaggi fantastici che bisogna assolutamente conoscere in un capitolo di questo libro lui parla appunto di paura e dice che è importante dare un nome alla paura e fuggire alla paralisi.

Anche una citazione che mi fa sorridere per una citazione presa da Guerre Stellari vede la citazione del Maestro Yoda non so se vi ricordate quella super Jedi Verdini o piccolino che dice devi dare un nome alla tua paura prima di poterla sconfiggere.

E questo è il ragionamento che fatti fatto in Ferris mi dice che forse l’azione non ci porta sempre alla felicità ma non c’è felicità senza azione appunto.

E per sconfiggere la paura noi dobbiamo essere in grado di definirla dobbiamo dare un nome la nostra paura dobbiamo conoscerla. 

Questo è proprio l’unico modo da passare per passare dalla l’inazione creata dalla paura all’azione che invece è la cosa più importante.

Secondo Tim e anche secondo me quindi lui ci dà un metodo per comprendere quali siano le nostre paure o la nostra paura di fare qualcosa e quindi ci dice che rispondendo a delle domande noi siamo in grado di definire le paure e di capire che vanno superate.

Quindi la prima domanda che uno si vorrebbe fare è quella di definire il nostro incubo il peggio in assoluto che ci potrebbe capitare se facciamo quello che vorremo fare.

La seconda domanda che ci dobbiamo fare è quali azioni dovremmo poi fare per rimediare al danno o per ripristinare la situazione precedente se decidiamo di fare questa azione.

La terza domanda è quali sono gli effetti benefici sia temporanei che permanenti degli scenari più probabili. Se facciamo un’azione. 

Quarta domanda fa un esempio se fossimo licenziati oggi che cosa faremmo per tenere le cose sotto controllo da un punto di vista finanziario.

La Quinta domanda. Secondo me la domanda fondamentale è che cosa stiamo rinviando per paura. Quindi qual è la cosa che per noi è importante che non facciamo perché abbiamo paura delle conseguenze.

La stessa cosa è quanto ci costa compiere questa azione sia dal punto di vista finanziario sia dal punto di vista emotivo sia dal punto di vista fisico.

E quanto ci costa anche rimandare l’azione cioè quanto ci costa non fare quest’azione. Anche da questi punti di vista la settima domanda è che cosa stiamo aspettando a d’agire.

Questi concetti sono importanti e sono concetti che possiamo rivedere anche in altri personaggi che vi ho di cui vi ho parlato come David Godin uomo che l’inazione non ci lascia nella paura ci lascia nelle nostre paure.

Noi rimaniamo nella nostra confort non senza voler fare un passo avanti senza voler fare un passo avanti verso i nostri sogni verso ciò che vogliamo davvero. Perché questo succede succede appunto per la paura e spesso le nostre paure sono irrazionali sono irrazionali perché noi non sappiamo definirle non gli diamo un nome.

Non vogliamo comprenderlo. Probabilmente se non le comprendesse vedremo che superare alcuni ostacoli che ci auto creiamo o che ci crea anche l’ambiente circostante con coraggio collazione ci permette ci permetterebbe di avere una vita infinitamente migliore una vita che noi realmente vogliamo cioè quello che desideriamo.

Quindi l’importanza di capire che cosa ci fa paura perché ci fa paura e perché non compiamo quell’azione per superare le nostre paure. è importante perché così noi possiamo superarle e possiamo fare quel passo avanti che ci serve per essere realmente noi stessi. 

Quindi vi faccio un’altra citazione alta Adriana quando si risveglia sul letto e dice a Rocky che cosa stiamo aspettando.

Marco Principi Coaching