Podcast Tips “Stoicismo e mental coaching”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Il mental coaching e la filosofia hanno molti punti in comune.
I filosofi stoici ne sono un esempio.

Ascolta “Podcast Tips”Stoicismo e mental coching”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti il nuovo podcast tips benvenuti bentornati. Vi ricordo di andare sul mio sito www.marcoprincipi.it per trovare tanto materiale relativo al mental coach.

Sì in questo podcast voglio parlarvi ancora una volta di mental coach e filosofia. Adesso però facendo un confronto fra alcune parti del mental coach e la filosofia tardo stoica quindi parliamo di stoicismo.

Ci sono due filosofie che mi hanno colpito più di due poi parleremo anche di un altro che è veramente importante che Seneca in questo caso voglio parlarvi di Busoni Rufo e di Epitteto. Sono due filosofi che arrivano da storie diverse. Basti pensare che Epitteto è uno schiavo liberato e lui sosteneva che fosse stata la filosofia e non il suo proprietario a liberarlo perché liberato lo spirito.

Ma partiamo dal mio sogno Rufo perché è importante secondo me perché già ci sono delle caratteristiche del perché la differenza tra cucina e filosofia principale secondo me è che la filosofia è molto astratta e molta retorica e molta logica ma delle Belle argomentazioni ma difficilmente viene messa a terra difficilmente qualcosa di pratico.

Il mio sogno Rufo invece sosteneva che bisognasse accentuare l’aspetto l’aspetto pratico della filosofia quindi per lui il filosofo non è colui che ragiona bene non è colui che argomenta bene non è colui che fa pensieri molto articolati giusti o sbagliati che siano è colui che mette in pratica ciò che dice. Quindi è colui che mette a terra i suoi insegnamenti e secondo lui per fare questo ci vuole una necessità di fare esercizio perché l’esercizio la fatica ci avvicinano anche alla spiritualità ci avvicinano alla nostra essenza aggiunge che ci sono cose che ci possono sembrare buone ma che in realtà non lo sono che possono essere il piacere la ricchezza l’aspetto fisico mentre altre cose come la bontà la fatica il lavoro che vengono considerate cattive o perdite di tempo che ci sono le cose che ci avvicinano di più alla nostra spiritualità alla nostra essenza. Vedete già come già gli stoici fossero abbastanza vicini al pensiero del moderno. 

Ma andiamo oltre parliamo di Epitteto perché ci porta un altro punto molto importante di Epitteto infatti sostiene che le cose si distinguono in due grandi classi quelle che non sono in nostro potere e quelle che sono in nostro potere. Quindi il bene e il male delle cose secondo lui albergano solo nelle cose che sono in nostro potere perché appunto dipendono dalla nostra volontà. 

Anche qua nel quante volte avete sentito dire lasciate andare lascia andare le cose che non sono in tuo potere ma concentriamoci sulle cose che sono in nostro potere. Ecco questo è lo stesso pensiero di Epitteto Epitteto però lo argomenta da filosofo e lo spiega così. Secondo lui le cose che dipendono da noi possono essere cose buone cose cattive e chi sceglie le cose cattive quindi chi sceglie la vita fisica il corpo i suoi piaceri il benessere materiale insomma non solo va incontro a delle delusioni ma perde addirittura la sua libertà. Lui parla di perdita di libertà in questo caso ma perché perde la libertà perché diventa schiavo di queste cose e diventa schiavo del superfluo non vi sembra molto attuale.

Questo concetto a me sembra veramente attuale. Spesso noi diventiamo schiavi lo stesso delle esteriorità del possedere delle cose anche se tutte queste cose realtà non hanno nessun valore non hanno il valore importante non hanno il valore spirituale non hanno un valore morale. Sono cose che Epitteto definirebbe cattive. Infatti lui dice Bisogna fare una scelta non si può stare nel scegliere le cose. Ma anche cattive o viceversa. Cosa scegliere. O le cose buone o le cose cattive anche se poi si contraddice dicendo che lui stesso non riesce a fare completamente questa scelta perché alcune cose continueranno ad adattarci. E solo una volta che non avrà raggiunto una consapevolezza totale riuscirà a distinguere e a fare sempre la scelta giusta ma siamo umani.

Difficile fare la scelta giusta e aggiunge anche un’altra cosa che chi è veramente libero. Quindi le persone che riescono a dire io respingo non penso alle cose che non dipendono da me. Vive finalmente la vita che vuole e per questo raggiunge la contentezza spirituale la definisce lui la pace dell’animo e aggiungo io la consapevolezza. Quindi questo podcast per mostrarvi come migliaia di anni fa già alcuni concetti che troviamo nella vita moderna troviamo soprattutto gli insegnamenti di chi fossero già attuali fossero argomenti di discussione filosofica. Grazie a tutti per l’ascolto.

Marco Principi Coaching