Podcast Tips “Messias”

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Una storia da film… lo sport è pieno di storie che sembrano film o favole.
Questa podcast parla di una di queste storie, una storia in cui i sogni si realizzano nella maniera più inaspettata.

Ascolta “Podcast Tips “Messias”” su Spreaker.

Trascrizione del podcast

Ciao a tutti i nuovo podcast tips. Vi ricordo che potete riascoltare tutti i podcast sul mio sito www.marcoprincipi.it tutti dove ci sono anche tanti altri contenuti.

Quindi se avete tempo e voglia perchè non andare a vederlo oggi il podcast racconta una storia di sport e di vita ancora lo sport.

Perché lo sport come già detto in un altro podcast è metafora della vita anzi nello sport spesso ci sono storie incredibili storie che appunto vanno raccontate e una di queste storie è quella di Junior Messias giocatore di calcio.

Adesso al Crotone ma la sua carriera non iniziata in serie A. Infatti il buon Messias brasiliano giocava nel Cruzeiro in Brasile ma aveva abbandonato perché doveva mantenere la famiglia.

Suo fratello che era già in Italia a Torino gli consigliò di andare in Italia perché c’era lavoro e poteva quindi guadagnare soldi da andare in Brasile.

Lui accettò andò appunto a Torino a vivere nel quartiere che è considerata la bandiera di Torino quartiere Milano e iniziò a fare il fattorino trasportando lavatrici.

Insomma faceva consegne allo stesso tempo il calcio era rimasto il suo amore per questa iniziò a fare dei tornei amatoriali squadre amatoriali anche se la sua a livello era nettamente superiore a quella dei suoi compagni.

Ma la sua idea era quella di mantenere la famiglia e quindi avere uno stipendio sicuro. Questo continuò fino a quando non fu notato da Ezio Rossetti, Rossetti è stato anche allenatore del Torino.

Quindi una squadra molto importante che gli offrì che lui lo segnalò a un’altra società ma Messias non accettò il trasferimento anche se questa è una società professionistica perché non si fidava di uno stipendio troppo basso e anche dell’insicurezza che dà il mondo del calcio.

Preferiva avere uno stipendio da fattorino ma lo stipendio sicuro che potesse mantenere appunto la famiglia e si accontentava di essere il giocatore della Domenica mattina.

Dovete sapere che i professionisti giocano la domenica pomeriggio i non professionisti giocano la Domenica mattina, mentre Rossi non si arrese e quando diventò allenatore della vercellese lo volle con sé garantendogli uno stipendio da 1.500 euro al mese.

Voi direte non è tanto. Però per Messias era tanto e soprattutto aveva finalmente il modo di coronare il suo sogno quindi quello di fare il calciatore professionista anche se di eccellenza e di essere pagato per quello.

Quindi decise di smettere di fare il fattorino anche perché comunque non sarebbe potuto tornare sempre a fare quel tipo di lavoro e di cercare di inseguire il suo sogno.

Naturalmente il suo sogno era quello di giocare magari salire di categoria ed arrivare a giocare in serie in Lega Pro. Invece fu lodato dal direttore tecnico del Crotone. Crotone che all’epoca era una squadra di B.

Ed era una scommessa, una di quelle scommesse che puoi vincere ma puoi anche perdere ma direttore tecnica si era innamorato del modo di giocare dei brasiliani.

Che è un modo molto fantasioso, fatto di gioia, di allegria, di dribbling e quindi si era innamorato di quel tipo di giocatore. Giocatore che piacque molto anche l’allenatore del Crotone dell’epoca che era Stroppa.

Stroppa ex calciatore del Milan che rimase molto colpito dalla sua storia rimase e soprattutto colpito dalle capacità di questo giocatore e dalla sua voglia di arrivare. Tant’è che il Crotone passò in Serie A e quest’anno Messias gioca e segna e fa anche spettacolo in serie A. 

Ed è una storia veramente incredibile una persona che a 20 anni abbandona il calcio a 30 anni si ritrova a giocare con campioni quali i Cristiano Ronaldo Ibrahimovic e altri.

In serie A quindi una vita completamente cambiata completamente stravolta. Questi sono i miracoli che lo sport ci regala, lo sport può fare cui persone che non hanno niente o che hanno tutto grazie all’impegno e alla voglia di arrivare e anche la fortuna che comunque conta sempre nella vita.

Riescono a raggiungere vette incredibili. Queste sono storie da film in America probabilmente l’avrebbero ha già fatto un film di questo ex fattorino che diventa cacciatore di Serie A, ma secondo me è importante questa storia perché è un insegnamento.

Un insegnamento che non dobbiamo mai mai smettere di sognare perché può essere che l’occasione giusta arrivi per ciascuno di noi. Dobbiamo essere solo capaci di agguantarla e dobbiamo impegnarci all’inverosimile per perché poi tutto si realizzi come noi avevamo in mente. Quindi buon Messias a tutti e grazie.

Marco Principi Coaching